Carbonara, ricetta romana

Carbonara, ricetta romana Vi presentiamo oggi un piatto tipico italiano: la carbonara, ricetta romana ossia quella vera.

Non c’è piatto più completo che dia soddisfazione quanto questo buon piatto di pasta, è facile da preparare ed il profumo di per sé invita a sedersi a tavola .

Si tratta di un piatto tipico romana che ha una lunga storia dietro di sé: pare che fosse la pasta che i carbonai si portavano dietro per il pranzo, secondo altre teorie si tratterebbe di un’evoluzione della pasta cacio e ova a cui fu aggiunto il pepe. La carne sarebbe stata aggiunta in un secondo momento, per via degli alleati che portarono con loro il bacon. Attenzione però: Napoli rivendica! Le uova sbattute sarebbero una consuetudine napoletana.

Quindi chi ha inventato la carbonara? Mistero.

Carbonara, ricetta romana: ingredienti per 4 persone

  • 5 uova

  • 400 gr di spaghetti alla chitarra

  • 400 gr di guanciale

  • pecorino romano

  • sale

  • pepe

Carbonara, ricetta romana: preparazioneCarbonara, ricetta romana

Portare a bollore una pentola d’acqua. Quindi prendere il guanciale ed affettarlo in modo sottile, far scaldare il fondo di una padella e farlo rosolare per qualche minuto.

A parte sbattere le uova con il pepe, un pizzico di sale ed il pecorino romano.

Quando l’acqua bolle, salarla, versarvi un filo d’olio (per non far incollare la pasta) e versarvi la pasta da cuocere al dente. Quindi scolarla, senza agitare lo scolapasta poiché deve rimanere umida, e versarla nella padella, farla rosolare con il guanciale ed aggiungervi le uova. Abbassare al minimo la fiamma e mescolare finché l’uovo non si rapprendere a seconda del vostro gusto (se siete dei buongustai non lo fate cuocere troppo).

Si serve ben calda, con pepe e pecorino a disposizione del commensale che ne gradisse dell’altro. Bene abbinarci un vino floreale e corposo.

No, non ci vanno le cipolle e la panna nella carbonara ricetta romana.

Curiosità: varianti della carbonara ricetta romana

La carbonara si è evoluta in tante forme, con i frutti di mare e con le zucchine al posto del guanciale.

Autore: Coltello e Forchetta

Condividi sui Social!

Lascia un Commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *